Ignobili attacchi al ministro della Difesa, Guido Crosetto: "Quella mano è stata armata da chi, come Conte e alcuni giornalisti, hanno fomentato l'odio"

Ignobili attacchi al ministro della Difesa, Guido Crosetto:

Hanno fatto scalpore le dichiarazioni estremamente aggressive da parte di alcuni manifestanti presenti alla manifestazione di sabato scorso indetta dal Movimento 5 Stelle che invitava i cittadini a scendere in piazza per protestare contro l'abolizione del reddito di cittadinanza. Un partecipante in particolare, ha usato un linguaggio estremamente violento contro un rappresentante del governo, nello specifico contro il Ministro della Difesa Guido Crosetto. Il filmato del cittadino che augurava azioni di violenza verso il ministro, sono state mandate in onda ieri sera dalla trasmissione condotta da Nicola Porro, Quarta Repubblica, alla presenza in studio dello stesso Crosetto che ha così commentato le frasi ingiuriose del "pacifista" sceso in piazza: "Sono disgustato come cittadino, preoccupato come persona, ma mi dà la forza di combattere di più, quella mano è stata armata da chi, come Conte e alcuni giornalisti, hanno fomentato l'odio''.

Non si è fatta attendere la reazione di solidarietà al ministro, da una parte del mondo politico.
"Esprimo totale solidarietà al Ministro della Difesa, Guido Crosetto. Le frasi che gli sono state rivolte nel corso di un servizio televisivo andato in onda ieri sera sono di una gravità inaudita e come tali vanno fermamente condannate", ha commentato in una nota il Presidente della Camera dei deputati, Lorenzo Fontana.
Stessa cosa per il ministro Lollobrigida, che ha dichiarato: "Esprimo la massima solidarietà al collega Crosetto e una ferma condanna verso questi comportamenti. Mi aspetto altrettanto da tutte le altre forze politiche, perché solo in questo modo possiamo riuscire ad isolare quelle che possiamo definire vere e proprie forme di violenza".

Redazione


Condividi questo articolo sui social: